13 Spunti per la vita - Gabriel Garcia Marquez

13 Spunti per la vita
di Gabriel García Márquez

1 -Ti amo non per chi sei ma per chi sono io quando sono con te.

2 -Nessuna persona merita le tue lacrime, e chi le merita sicuramente non ti farà piangere.

3 -Il fatto che una persona non ti ami come tu vorresti non vuol dire che non ti ami con tutta se stessa.

4 -Un vero amico è chi ti prende per la mano e ti tocca il cuore.

5 -Il peggior modo di sentire la mancanza di qualcuno è esserci seduto accanto e sapere che non l’avrai mai.

6 -Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai chi potrebbe innamorarsi del tuo sorriso.

7 -Forse per il mondo sei solo una persona, ma per qualche persona sei tutto il mondo.

8 -Non passare il tempo con qualcuno che non sia disposto a passarlo con te.

9 -Forse Dio vuole che tu conosca molte persone sbagliate prima di conoscere la persona giusta, in modo che, quando finalmente la conoscerai, tu sappia essere grato.

10-Non piangere perché qualcosa finisce, sorridi perché è accaduta.

11-Ci sarà sempre chi ti critica, l’unica cosa da fare è continuare ad avere fiducia, stando attento a chi darai fiducia due volte.

12-Cambia in una persona migliore e assicurati di sapere bene chi sei prima di conoscere qualcun’altro e aspettarti che questa persona sappia chi sei.

13-Non sforzarti tanto, le cose migliori accadono quando meno te le aspetti.

"TUTTO QUELLO CHE ACCADE, ACCADE PER UNA RAGIONE"

Gabriel García Márquez

paolino (non verificato)
-ho una fredda paura di dover affrontare momenti spesso imbarazzanti che ,mostrando il mio lato più debole creano i giusti presupposti per uno scambio alla pari. io
A distanza di tempo e di uno spaccato di vissuto, è stato come intraprendere un nuovo viaggio, una nuova ricerca interiore. Le parole assumono un sapore diverso e mai sono come le ricordavi. Perchè nel frattempo sei cambiata,la vita è andata avanti mettendoti alla prova, e anche lo spirito non è più quello di allora. Parole che accarezzano lo spirito, toccando corde dell'animo liberando il fluire delle emozioni, mentre la mente si apre a nuova energia e stimoli innovativi. E si, ogni tanto non fà male rileggerle! Ciaoo
gremus
Suzanne, questi spunti li ho pubblicati la prima volta esattamente 2 anni fa. Li dedicavo (molte delle cose scritte nella sezione riflessi sono dedicati) ad una cara amica che attraversava le malinconie di un momento difficile. Poi ho ripubblicato gli stessi spunti nel giugno di quest'anno dedicandoli ad un'altra persona anch'essa a me cara. Quante volte però ho pensato che avrei potuto dedicarli a me stesso, perchè tutti noi, indistintamente, abbiamo momenti difficili dove abbiamo bisogno qualcosa che ci faccia bene o male. Si, ripeto, alcune parole possono anche farci male, ma di solito quel male è un filo spezzato che si agita dentro di noi e che non siamo ancora riusciti a raccogliere e porlo nella giusta collocazione. Una persona i cui consigli in questo periodo ascolto con grande attenzione, qualche tempo fa mi ha detto: lasciarsi abbandonare nel dolore è un grande passo avanti. Il peggio è nasconderlo! Se come male intendi vedere affiorare il dolore, allora forse quelle parole fanno bene! Ciao Suzanne, e auguri di un serenissimo Natale.

Aggiungi un commento