L'image streaming: interpretare i sogni

L'image streaming: interpretare i sogni

Nei due articoli precedenti sull'Image Streaming ho evidenziato i contenuti della tecnica e proposto alcuni esercizi specifici per stimolare la capacità di “sognare ad occhi aperti”. Il passo successivo consiste nel saper interpretare queste immagini che, per loro natura, appartengono alla sfera dell'inconscio.

A questo proposito è fondamentale “spegnere” la parte logica e razionale della nostra mente. In un linguaggio più tecnico potremmo dire attivare l'emisfero destro del cervello, dal quale scaturiscono le intuizioni geniali, e mettere a tacere quello sinistro, deputato alla rielaborazione logica e razionale. Durante un corso su queste tecniche mi fecero fare un esercizio finalizzato al contatto con la propria mente inconscia “distraendo” quella conscia. L'esercizio partiva, come sempre, con una prima fase di rilassamento e respirazione nella posizione seduta descritta nell'articolo precedente . In questa posizione ponevo delle domande specifiche all'inconscio aspettando poi delle risposte attraverso il flusso di immagini o percezioni particolari. L'inganno alla mente conscia avveniva con un simpatico stratagemma: mentre osservavo il flusso di immagini la mente razionale doveva continuamente ripetere il nome dei sette nani(Brontolo, Cucciolo, Dotto, Eolo, Gongolo, Mammolo, Pisolo, per chi non li ricordasse; ma va bene qualunque altra tiritera). Fa sorridere ma il trucchetto dei sette nani evita che la parte più logica del nostro pensiero cominci inevitabilmente a chiedersi: “ma cosa sto facendo”, “ma ha un senso”? La razionalizzazione del pensiero da parte dell'emisfero sinistro è proprio quella che sin da piccoli ci porta ad allontanarci dall'ascolto delle nostre intuizioni più profonde. Saper poi interpretare le immagini che spontaneamente si succedono nella nostra mente è anche questa un'abilità che si affina con l'esercizio. La prima cosa che si nota quando si comincia a praticare l'Image Streaming con una certa regolarità è che determinate situazioni, oggetti, persone, colori, suoni ricorrono più frequentemente di altri. Potremmo quindi costruirci un nostro “codice”, una sorta di archivio di immagini ricorrenti che col tempo andranno ad assumere un preciso significato. All'inizio l'interpretazione del flusso inconscio di immagini pare complessa e del tutto arbitraria. Anche in questo caso la tecnica ci viene incontro con esercizi specifici. Uno di questi è detto “tecnica della soglia” e prevede i seguenti passaggi: 1.Si individua l'immagine o l'elemento al quale non si riesce a dare un significato e la si mette in una zona “meno conscia” della nostra mente 2.Ci si prepara per un nuovo Image Streaming, questa volta con l'immagine guidata qui di seguito descritta: 3.immagina di essere al centro di un giardino meraviglioso, ricco di piante e fiori, pieno di colori e profumi. E' bellissimo e vuoi goderti la totale piacevolezza di questo luogo. Ci sono bambini che giocano, palloncini che volano, il cielo è azzurro e l'aria freschissima. Segui un sentiero e ti avvicini a delle fontane zampillanti. Prosegui nella passeggiata e ti accorgi che in fondo al giardino c'è un alto muro di cinta. Ti avvicini piano piano ad esso e lo osservi. 4.Per qualche minuto osserva minuziosamente questo muro, descrivilo in ogni sua parte, toccalo, mettici sopra le mani e il muso, odoralo e cerca di percepirne la consistenza. Concentrati su tutte le sensazioni sensoriali che questo muro ti dà sforzandoti di non formulare nessun pensiero razionale su di esso. 5.Al termine di questa descrizione allontanati di qualche passo. E' arrivato il momento di saltare al di là del muro... Ora prendi la rincorsa, sii veloce, non pensare a nulla, corri, corri più veloce e... salta!!!! 6.L'immediatezza è la chiave di questa tecnica. Descrivi immediatamente quello che trovi al di là del muro prima che il tuo emisfero sinistro possa cominciare a distorcerne il significato. Aggrappati alla primissima impressione e descrivila, se non hai parole prendi un foglio e comincia a disegnare. Non c'è nulla di giusto o di sbagliato. Meno convenzionale e logico sarà quello che vedi e più sarai certo che l'esercizio è riuscito. Quello che trovi al di là del muro ti aiuterà a comprendere il significato della prima immagine che avevi messo da parte. La tecnica della soglia può essere utilizzata ogni qualvolta cerchiamo delle risposte o abbiamo dei dubbi. Al di là del muro della razionalità, nello spazio sconosciuto delle intuizioni e delle percezioni, spesso c'è la risposta. Che non necessariamente è quella che ci aspettiamo.

Leave a comment