Il valore o durata delle note

Il valore o durata delle note

Per segnare la durata o valore delle note sul pentagramma si usa un sistema relativo e proporzionale, attraverso il quale, e lo voglio chiarire subito non si riportano le durate delle note in secondi o in qualunque altra unità di misura di tempo assoluta. Unquarto o semiminima - due nomi che identificano la stessa durata - non indica una durata precisa di "x" secondi, ma semplicemente una quantità di tempo che dipende dalla velocità generale del brano musicale.

valore delle note

 

La lunghezza di ogni quarto dipende dalla velocità del brano!

 

Sequenza di quarti

 

 

Semplifichiamo ulteriormente: supponiamo di voler cantare una piccola melodia interamente scritta in quarti, come quella riportata nella precedente figura: se decidiamo di cantarla lentamente ogni quarto avrà una certa durata; se invece decidessimo di cantarla rapidamente ogni quarto avrebbe una durata più breve cioè correrebbe via più velocemente e l'intero brano finirebbe prima.

Approfondimento: il direttore d'orchestra

La durata di ogni singola nota varia a seconda della velocità del brano, ma quando si suona insieme ad altri musicisti è necessario, che tutti suonino rispettando un tempo comune. Quando si è in pochi strumentisti e si suona vicini bastano pochi gesti per intendersi sul tempo. Ma quando si è in tanti, come nel caso delle grandi orchestre sinfoniche o d'opera, è necessario che ci sia una persona che guidi il tempo di tutti i musicisti: il Direttore d'orchestra, che attraverso i suoi gesti "batte un tempo" unico per tutti. Nella musica leggera, dove si è normalmente in pochi ma la potenza sonora della musica rende difficile intendersi sul tempo, è la batteria che generalmente detta il tempo per tutti i componenti del complesso.

Leave a comment